DONBASS INFUOCATO: È TENSIONE TRA MOSCA E KIEV

Le ostilità in Donbass sembrano aver perso la latenza che aveva contraddistinto i recenti sviluppi del conflitto. Prima gli accordi di Minsk e poi il cessate il fuoco deciso nel luglio 2020 sembravano aver calmato le acque e congelato il conflitto, ma

L’AFFILIAZIONE RELIGIOSA NEGLI STATI UNITI ARRETRA

Secondo gli ultimi sondaggi Gallup, nel 2020 “solo” il 47% degli americani risultava affiliato ad una qualche Chiesa, Moschea o Sinagoga. Prima volta negli ultimi 80 anni in cui questo dato scende al di sotto del 50%

Voci di redazione

LA CALDA PRIMAVERA DEL DONBASS

Sul continente europeo è in corso una guerra da sette anni; iniziata esattamente il 6 aprile 2014, ad oggi non si intravede nessuna possibilità di una lunga e stabile soluzione al conflitto che ad oggi ha causato più di 15.000 morti. Con

Laws & Right

Rotta verso l'artico

SFRUTTAMENTO ROTTE DEL NORD, TUTTI D’ACCORDO?

L’incidente del Canale di Suez ha evidenziato l’estrema dipendenza del commercio marittimo globale dai colli di bottiglia diffusi in tutto il mondo. Gli operatori del settore allora guardano a Nord per cercare delle vie alternative. Ma la Mediterranean Shipping Company (MSC) dichiara, in controtendenza, di non voler approfittare dello scioglimento dei ghiacci per aumentare i profitti

Radio America

WASHINGTON CHIAMA MOSCA

Lo scorso 13 aprile, l’account Twitter della Casa Bianca, ha annunciato una conversazione telefonica fra il Presidente U.S.A Biden e il suo omologo Russo Putin

JOHN KERRY VOLA IN BANGLADESH PER IL CLIMA

John Kerry fa tappa in Bangladesh durante un tour di visita ai Paesi più vulnerabili al cambiamento climatico per trovare con loro una strada comune e solida nella promozione della resilienza e dell’adattamento ai cambiamenti climatici in corso

IL PENTAGONO STRINGE I BULLONI DEL CONTENIMENTO INDO-PACIFICO DELLA CINA

Il Dipartimento della Difesa (DoD) adegua strategie e tattiche, dottrina e postura alla competizione strategica con la Repubblica Popolare Cinese (Rpc), rivedendo il posizionamento bellico per deterrere Pechino dallo scatenare lo scenario più fosco. Quello di una guerra combattuta nei mari cinesi, intorno a Taiwan. Dunque, “in trasferta”. Urge una revisione globale e regionale delle forze, secondo il nuovo concetto operativo avanzato di Dynamic Force Employment, tramite un ribilanciamento verso un nuovo baricentro: il Mar Cinese Meridionale

Eurasia

Middle East & North Africa

ALGERIA: L’ARMS RACE DI MATRICE RUSSA

L’odierno approvvigionamento di dotazioni belliche pare ricalcare le dinamiche che hanno contraddistinto gli anni della Guerra Fredda. Questa volta ad essere coinvolti in prima persona ci sono però quelli che un tempo sarebbero ricaduti sotto la definizione di stati cuscinetto o aree di influenza

ISRAELE- SE IL “TRADIMENTO” HAREDI SUPPORTA L’ASCESA DEL SIONISMO RELIGIOSO

Elezioni in Israele: Religious Zionism e la sua matrice violenta Kahanista ottengono 6 seggi parlamentari, superando le aspettative elettorali grazie al sostegno dei giovani Haredim, parte dei quali ha tradito le aspettative dei propri rabbini. L’estremismo pare essere l’unico attore di spicco di questa ennesima tornata elettorale senza vincitori né vinti

Geopolitica e Storia